Italian English French German Spanish
 
La Cascina dei Conti

Telefono:

  • Cellulare: 338.4712626
  • Lunedì - Venerdì: 10:00am - 05:00pm

Il Mulino

{gallery}mulino:250:250:1:0{/gallery}

Perché preferire farine macinate a pietra?
La scarsa velocità della ruota mobile mantiene bassa la temperatura durante la molitura e fa si che
la farina non corra alcun rischio di “cottura”, preservandone al meglio le qualità organolettiche.
Il germe e gli oli essenziali del chicco di grano s’impastano con la parte amidacea dando alla farina
una colorazione sul bianco avorio con punteggiature beige scuro: si garantiscono profumi più
complessi, maggior gusto e conservazione di molte proprietà benefiche presenti nel grano.
In seguito vi è la raffinazione ( abburattamento): la farina esce dalle macine ed entra in un cilindro
di stoffa dove per sbattimento viene fatta la separazione della crusca e del cruschello.

Quindi, il mulino a pietra, per quanto possa macinare il grano più o meno finemente non produrrà
mai una farina raffinatissima tipo 00 ma sempre una tipo 1 e 2:integrale,,,, una farina cioè non bianchissima
e non perciò impoverita di sostanze importanti come proteine,vitamine (B1,B2,PP, B6) magnesio,
calcio, e altri sali minerali

La proprietà più importante della farina è la sua forza, cioè la capacità di resistere nell'arco del tempo alla lavorazione. La forza della farina deriva dalla qualità del grano macinato per produrla, quindi dal suo contenuto proteico, in particolare di quello di gliadina e glutenina. Queste due proteine semplici poste a contatto con l'acqua formano un complesso proteico detto glutine che costituisce la struttura portante dell'impasto, rappresentata come forza della farina. Si tratta di una sorta di reticolo all'interno della massa di farina e acqua che la rende compatta, elastica e capace di trattenere gli amidi ed eventualmente i gas della lievitazione che formano così le bolle caratteristiche della struttura spugnosa di pane ed altri prodotti lievitati.

In base alla quantità, ma anche alla qualità, del glutine contenuto in una data farina, l'impasto con l'acqua avrà più o meno resistenza (P) ed elasticità (L) e varierà anche il tempo necessario per la lievitazione.


Alveografo di Chopin, W area di panificabilità, P resistenza, L elasticità.
Leader mondiale nella produzione di sistemi per determinare la Forza della farina è la Chopin col suo Alveografo[senza fonte]. Tale macchina è in grado di determinare il fattore di panificabilità W, cioè l'area del tracciato finale che disegna l'Alveografo dato dalla resistenza P e dall'elasticità L.

La metodologia consiste nell'impastare 250 g di farina con acqua leggermente salata per otto minuti, ricavare da questo impasto cinque "pastine" rotonde. Queste riposeranno 15 minuti circa a 25 °C in un apposito scomparto dell'Alveografo, per poi venire poste su un sistema di insufflaggio di aria che ne testerà la resistenza. Le "pastine" si gonfieranno e in base al volume della sfera ricavato, si avrà il P, L e il W della farina. Va da sé che, più grande sarà la sfera, più forza avrà la farina.

Un alto valore di W indica un alto contenuto di glutine; questo vuol dire che la farina assorbirà molta acqua e che l'impasto sarà resistente e tenace, e che lieviterà lentamente perché le maglie del reticolo di glutine saranno fitte e resistenti. Viceversa, un W basso indica una farina che ha bisogno di poca acqua e che lievita in fretta, ma che darà un impasto (e un pane) leggero e poco consistente.

Galleria immagini

{gallery}75{/gallery}
Torna in alto

Member Login

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su:

Facebook

Contatti

La Cascina dei Conti

Via Pinerolo 44 

10060 Osasco (TO) 

Tel: 338 4712626

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

P.I.: 07544430015

 

Orari

Lun.: .........Chiuso

Mar-Ven: .... 9.00-12.00  15:00-18:30

Sab: .......... 9.00-12.00  15:00-18:30

Dom: ........ Chiuso

Per info telefonare al 338 4712626

Top of Page